I materassi in lattice

Ragazza dorme profondamente su materasso in lattice

Ergonomici e confortevoli, i materassi in lattice della migliore qualità come quelli di Fabbrica Benessere promettono un sonno tranquillo e appagante. Fra tutte le tipologie di materassi, sono anche quelli più naturali. Un buon prodotto, infatti, è costituito per circa l’85% da lattice estratto dall’albero della gomma. Rispetto alle gomme sintetiche, e persino a quelle estratte da altre piante, il lattice dell’Hevea brasiliensis possiede doti di elasticità irraggiungibili. Pur essendo di origine organica, questo elastomero è anche refrattario alla colonizzazione da parte degli acari. Chi soffre di allergie quindi può scegliere con serenità i materassi in lattice (allergia al medesimo permettendo, rara ma non impossibile). Vediamo quali sono i pregi e i difetti che li caratterizzano.

Materassi in lattice: composizione e lavorazione

I migliori materassi in lattice sono il risultato della selezione accurata della materia prima, che è esclusivamente il lattice naturale. Lo stesso deve essere presente nel materasso in percentuale uguale o superiore all’85%. Al momento dell’acquisto dei materassi in lattice conviene quindi controllare l’etichetta.

Dovrebbe riportare la dicitura “Materasso tutto lattice” oppure “Materasso 100% lattice” e la precisazione “Origine naturale”. Se manca quest’ultima il prodotto non è di prima qualità.

Altrettanto importanti i processi di lavorazione della materia prima. Il loro scopo è conferire al lattice naturale (o sintetico) una particolare struttura fisico-chimica. Molti materassi in lattice economici, infatti, risultano scadenti a causa di una lavorazione mediocre (che in realtà, com’è ovvio, si abbina all’uso di lattice sintetico o misto, con quello naturale in bassa percentuale). Viceversa, quelli di Fabbrica Benessere, rigorosamente made in Italy, subiscono rigorosi controlli in fase produttiva atti a certificarne la qualità finale.

Più nel dettaglio, la lavorazione del lattice ha come punti centrali l’insufflazione d’aria e la vulcanizzazione. La prima consiste nell’immissione di bolle d’aria nel lattice per ammorbidirne la consistenza. La schiuma di lattice così ottenuta deve avere una struttura quanto più possibile omogenea, pena la riduzione delle doti di comfort dei materassi in lattice e anche la loro durata. La vulcanizzazione della gomma serve a calibrare i valori di portanza ed elasticità nonché la resistenza.

Il terzo fattore che influisce sulla qualità dei materassi in lattice è lo spessore. La scocca dei materassi lattice può variare dai 10 ai 20 cm. Maggiore è, migliore risulta la capacità del materasso di supportare il peso del dormiente in modo uniforme. La differenziazione a zone (da non confondere con lo spessore) è un altro parametro fondamentale. Consiste nelle modifiche alla consistenza del materasso secondo la zona del corpo da sorreggere. Fra i vantaggi materassi in lattice non è sempre presente: i modelli economici sono mono-zona, quindi decisamente meno confortevoli. Quelli di Fabbrica Benessere, personalizzabili, sono a 3, 5 o 7 zone.

Vantaggi materassi in lattice

Grazie alla loro particolare struttura fisico-chimica, i materassi in lattice sono igienici e traspiranti. Richiedono alcune attenzioni quotidiane, ma se ben tenuti si rivelano perfetti in particolare per chi è normopeso o sottopeso, per gli allergici e per chi soffre il caldo. La struttura a micro-celle infatti è dotata di un’efficiente dispersione termica, superiore a quella dei materassi in memory. Altro contesto nel quale i materassi in lattice si rivelano la scelta ideale è l’uso di reti motorizzate, perché si adattano bene ai movimenti della rete. Nel caso si abbia l’abitudine a muoversi parecchio durante la notte, infine, i materassi in lattice possono garantire un sonno tranquillo perché riescono a rimodellare istantaneamente la propria morfologia, adeguandola al “dinamismo” del dormiente e mantenendo un supporto ergonomico. Riepilogando, ecco i 5 vantaggi nello scegliere i materassi in lattice:

  • Composizione naturale: come spiegato vale solo per quelli di qualità, controllare sempre l’etichetta;
  • Antiacaro e antibatterico: perfetto per chi in presenza di polvere ha reazioni allergiche;
  • Adattamento dinamico ai movimenti del dormiente: è una delle principali differenze dei materassi in lattice rispetto a quelli memory foam; per gli irrequieti, i primi sono senza dubbio da preferire;
  • Traspiranti: coloro che patiscono il caldo e l’afa si troveranno bene con questa tipologia di materasso, che grazie alla struttura a micro-celle mantiene più fresco il corpo;
  • Elasticità: il lattice naturale recupera rapidamente la propria forma, sopportando pressioni anche accentuate senza “scomporsi”.

Per godersi al meglio i vantaggi dei materassi in lattice occorre associarli a un guanciale e a una rete di altrettanta qualità. Quanto alle fodere, è sempre preferibile il cotone 100%. Data la varietà di modelli, studiati per anatomie diverse, è bene fare una prova “su pista” prima di scegliere.

La manutenzione dei materassi in lattice

Una cosa importante da sapere sui materassi in lattice naturale è che richiedono alcuni accorgimenti quotidiani. Il primo è quello di lasciarli scoperti mentre si arieggia la camera. La ragione? Far evaporare l’umidità che questa tipologia di materassi tende a trattenere durante la notte. Periodicamente vanno anche capovolti, sia in senso verticale che antero-posteriore.

I materassi in lattice di qualità e spessore adeguato durano parecchio, ma arriva la notte in cui le fibre iniziano a perdere la loro elasticità e si deformano. Capirlo è facile: il materasso perde gradualmente la sua ergonomia e il sonno diventa meno confortevole. Al momento di sostituirlo con uno di analoga tipologia, rispetto a un materasso memory foam si spende qualcosa in più.

[mwi-product sku=”ML001-171,GL105SOL” desc=”false” img_width=”400″ price=”false” type=”view” btn_color=”green” btn_link=”button” cols=”2″ ]]]>

Tags: , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*