Epilazione o depilazione? Le differenze e le tecniche più affidabili e durature

fabbrica benessere epilazione     La depilazione: cruccio di tante donne, ma non solo! Le ragioni per cui si ricorre a questa tecnica sono in primis il fattore estetico e quello sportivo, mentre le metodologie sono diverse e agiscono su diversi livelli di efficacia. C’è chi si accontenta della lametta, chi preferisce uno strappo deciso e chi ricorre alla tecnologia per dire addio ai peli superflui. Quali sono le tecniche, però, per ottenere una pelle liscia e senza “ombre”? Vediamole insieme:

  • Depilazione, la tecnica più “immediata”:

lamette e creme depilatorie? Fanno parte di quelle metodologie non definitive che vengono chiamate “depilazione”. In questo caso si elimina solamente la parte del pelo che emerge dalla cute, senza estirparne il bulbo: i risultati sono immediati, ma assolutamente non definitivi; anzi, queste tecniche in genere non solo irritano la pelle se eseguite con poca delicatezza, ma rinforzano il pelo, che si ripresenterà dopo poco più scuro e robusto.
  • Epilazione: definitiva o no?

Legs_of_woman La tecnica di epilazione più diffusa e antica è certamente la ceretta: eseguita a casa da sole o presso un’estetista, questa tecnica permette du liberarsi dai peli superflui per circa due settimane. La ceretta può essere eseguita in ogni parte del corpo, ma attenzione a chi soffre di vene varicose: il pericolo di rompere i capillari è molto alto, e questi possono poi restare, “emergendo” e lasciando l’inconfondibile traccia bluastra. Se invece volete liberarvi dei peli superflui in maniera progressiva ma definitiva esistono due tecniche principali, ideali anche per chi pratica sport e deve avere, per questioni igieniche in primis, la pelle perfettamente depilata: la luce pulsata e la radiofrequenza. La luce pulsata non brucia il pelo, ma ne riscalda il follicolo attraverso la fototermolisi e l’energia luminosa: la matrice del pelo, riscaldata a una temperatura che non tollera, si disattiva, impedendo quindi al pelo di ricrescere. La radiofrequenza, invece, è un altro tipo di tecnica definitiva che consente di liberarsi dei peli superflui: l’asse del pelo (canale medullare del pelo) agisce come un conduttore per trasportare l’energia della radiofrequenza nella zona di crescita del pelo (papilla e bulbo) indebolendo e distruggendo la radice. Con la radiofrequenza, in pochi secondi l’asse del pelo si separa dalla radice e si può quindi rimuovere il pelo dal follicolo. In questo modo si ottiene una rimozione permanente e progressiva dei peli superflui veramente indolore e in maniera semplice. Esistono dispositivi come pinze che permettono di epilare le zone più delicate, quali ascelle, sopracciglia, inguine: la pinza depilatoria a radiofrequenza, inoltre, permette di indebolire più peli alla volta, ed è quindi un metodo efficace e preciso. Che siate donne o uomini, la depilazione o l’epilazione hanno esigenze ben precise: voi che tecnica scegliete?]]>

Tags: , ,

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*