Cura del seno in menopausa

1     Abbiamo parlato, nello scorso articolo, del seno nell’età adolescenziale e dei suoi cambiamenti tra gravidanza e allattamento: ci sono cure specifiche e gesti per imparare a conoscerlo, anche nei suoi cambiamenti. Un altro momento della vita in cui il seno, parte davvero importante del corpo femminile, può subire modifiche naturali o indotte è la menopausa. 2   Durante questo periodo della vita di una donna il seno tende naturalmente a cambiare di forma, perdendo consistenza nei tessuti: questa modifica del corpo si chiama ptosi mammaria, ed è legata agli anni che passano, accentuandosi in caso di più gravidanze. la ptosi mammaria generalmente parte dai 40 anni, ed è infuenzata anche dalla conformazione genetica, dalle dimensioni e dalla tonicità del muscolo mammario. Per questo una corretta ginnastica posturale e rafforzativa può aiutare nel corso degli anni a mantenere il seno più tonico: nuoto, esercizi leggeri per i pettorali, pilates, sono attività che influenzano positivamente lo sviluppo del muscolo, contrastando la ptosi. Oltre a questo è necessario curare il seno, dandogli un valido sostegno con reggiseni che non siano troppo costrittivi o con ferretti troppo duri, che possono provocare micro-traumi. Altra cosa importante è certamente evitare che i tessuti si smaglino: usare olio di mandorle o olio di argan dopo la doccia è una prassi non solo rilassante, ma anche utile. 3     Inoltre, dai 40 anni in su, si verifica -purtroppo- un rischio d’insorgenza di patologie tumorali legate al seno: la vita sedentaria, il fumo, gli eccessi di proteine possono essere un fattore condizionante; ma anche l’ereditarietà gioca un ruolo decisivo. Per questo è necessaria la prevenzione, con una corretta alimentazione, eseguendo l’autopalpazione già dalla giovane età e facendo periodiche mammografie. Per chi ha subito interventi al seno, inoltre, sono necessarie cure delicate. Il seno asportato in maniera parziale, e soprattutto il seno asportato totalmente può essere un vero e proprio choc per la donna: per questo c’è bisogno di massima discrezione e attenzione. Detergere la zona con detergenti delicati e neutri, possibilmente privi di eccipienti chimici, e sostenere con reggiseni che non costringano e che possano “camuffare” con discrezione i segni dell’intervento.]]>

Tags: , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*